Tutelare i minorenni dai rischi di abuso, maltrattamento e sfruttamento; garantire il rispetto delle minoranze in ogni momento; generare un ambiente inclusivo dove tutti si possano sentire a casa.

Questi sono solo alcuni dei compiti che fanno a capo al Safeguarding Officer, una figura già fondamentale nei contesti educativi pubblici e privati, introdotta dal CONI anche in ambito sportivo nel corso del 2024.

Una figura, quindi, che serve agli atleti minorenni e ai loro genitori o tutor come assoluto punto di riferimento per segnalare eventuali casi di discriminazione ingiustificata, come episodi di razzismo, omofobia, xenofobia e altri.

safeguarding società sportiva ASD Basket Più

Basket Più concepisce l’associazionismo sportivo come una grande opportunità, oltre che a divertirsi giocando a basket, per fare propri dei valori che trascendono lo sport, come il rispetto reciproco, la tolleranza, l’uguaglianza sociale, l’inclusività.

Valori che il CONI ha deciso di regolamentare e insegnare all’interno di un corso specifico di 8 ore, creato appositamente per le società sportive, volto a formare e poi certificare la figura del Safeguarding Officer, che nel caso del Basket Più prende il nome del nostro presidente, Emilio Rana.

Nella speranza che questa iniziativa sia utile ad eliminare ogni tipo di discriminazione e a creare un clima di rispetto, uguaglianza ed inclusione, d’ora in poi Emilio sarà raggiungibile all’indirizzo email safeguarding@basketpiu.it e al numero 329 176 1582 per qualsiasi segnalazione, chiarimento o richiesta di aiuto presentata dagli atleti Basket Più e dalle loro famiglie.

cosa fa il safeguarding officer rana emilio